Tag: depressione

Pensieri Negativi: come eliminarli con i quattro accordi di Don Miguel Ruiz

Pensieri Negativi: come eliminarli con i quattro accordi di Don Miguel Ruiz

I pensieri negativi spesso sono delle vere e proprie ossessioni che possono rovinarti una splendida giornata! Scopri come eliminarli grazie a Don Miguel Ruiz e i suoi quattro accordi.

I quattro accordi sono un libro di saggezza tolteca che offre spunti molto interessanti per imparare a vivere in armonia, smettendo di preoccuparsi del giudizio degli altri.

So che ti starai chiedendo: “Che cosa c’entra la saggezza tolteca con la psicologia?”

Don Miguel Ruiz è maestro della scuola misterica tolteca in Messico, guida le persone a entrare in contatto con la propria coscienza attraverso gli insegnamenti degli antichi saggi.

Tutti noi siamo spinti dal desiderio di conoscerci meglio e di prendere consapevolezza dello nostre parti fragili; per questo motivo, il libro I Quattro Accordi è un’occasione profonda di crescita personale.

Pensieri Negativi: cosa sono

Viviamo in una società in cui siamo sempre preoccupati per ciò che verrà domani, pensiamo costantemente al passato ma non prestiamo attenzione al presente.

Siamo sempre di corsa, cerchiamo nuovi stimoli, nuove cose da imparare ma dimentichiamo di fermarci anche solo per un attimo a guardare il paesaggio intorno a noi!

Questa modalità di agire, contribuisce alla nascita di pensieri negativi ossessivi perché siamo dominati dalle nostre paure.

Il pensiero è fatto di immagini, ovvero è la somma dei ricordi, esperienze, emozioni, conoscenze che hai archiviato nel tuo data-base: il cervello!

I pensieri negativi ricorrenti, sono una delle caratteristiche principali dell’ansia: sono la tua voce interna che ti giudica e che non ti fa mai sentire capace! I pensieri negativi si trasformano in giudizi negativi di te, contribuendo a farti sentire in colpa e ad abbassare la tua autostima!

I Quattro Accordi: il libro

Nel libro I Quattro Accordi, Don Miguel Ruiz ci svela un importante verità: viviamo in un modo ovattato, costruito su false credenze che hanno contribuito a creare un’immagine di noi stessi basata sul giudizio e sulle parole degli altri.

Attraverso la lettura di questo libro, puoi imparare a:

  • lasciare andare le opinioni negative su di te;
  • entrare in contatto con le tue emozioni;
  • vivere in armonia con le persone che ti stanno accanto;
  • accettare i tuoi difetti.

I quattro accordi: quali sono

A questo punto, vorrai sapere quali sono i quattro accordi e come applicarli nel tuo percorso di crescita personale!

  1. Sii impeccabile con la parola

  2. Non prendere nulla in modo personale

  3. Non supporre nulla

  4. Fai sempre del tuo meglio

Come vedi, sono molto semplici e immediati. Vediamo ora come poterli applicare per poter controllare i pensieri negativi.

pensieri negativi come eliminarli

Pensieri negativi: come eliminarli

Nel libro, Don Miguel Ruiz ti spiega come sradicare quelle false credenze con cui sei cresciuto prestando attenzione a piccole cose come le parole che usi o le reazioni a ciò che gli altri ti dicono. Questi insegnamenti toltechi, sono molto vicini ad alcuni concetti della psicologia positiva e possono diventare uno strumento molto utile nell’aiutarti a sconfiggere l’ansia e lo stress a cui sei sottoposto ogni giorno ovvero a fare un patto d’amore che fai con te stesso!

Primo Accordo: Sii impeccabile con la parola

Le parole possono creare, hanno il potere di comunicare ed esprimere i pensieri ma quando sono usate male possono ferire e a farti allontanare dalle persone. Essere impeccabile con la parola significa essere consapevoli del proprio mondo emotivo: una frase detta male in momento di rabbia, può creare conflitti con chi ci sta accanto.

La prima cosa che dovrai fare è prendere consapevolezza delle tue emozioni: ovvero riconoscere che quella rabbia o quella paura sono la voce di un bisogno taciuto.

Secondo Accordo: Non prendere nulla in modo personale

Ogni critica, anche quella più costruttiva, diventa un attacco alla tua persona! Spesso si ha la percezione di essere la causa degli eventi che circondano. Questo è il senso di colpa, con cui sei cresciuto. Quando qualcuno ti insulta, ricorda che quel giudizio negativo non ha nulla a che vedere con il tuo valore come persona.

Prendi una sana distanza dalle parole giudicanti degli altri, non lasciare che quei giudizi diventino il metro di misura delle tue capacità.

Terzo Accordo: Non supporre nulla

Quante volte hai dato per scontato che la tua migliora amica o tuo marito fossero in collera con te? Quante volte queste supposizioni hanno portato uno scontro basato su fraintendimento? Siamo abituati ad attribuire agli altri pensieri e emozioni, queste opinioni le prendiamo per vere, diventano giudizi insindacabili: si trasformano in pensieri negativi che non ti abbandonano ma che ti fanno compagnia per il resto della giornata.

Supporre alimenta incomprensioni, per evitare di sprecare il tuo tempo a discutere di cose che non hanno importanza, impara ad esprimere a chi ti sta accanto le tue necessità; ascolta quello che gli altri hanno da dirti senza essere prevenuta sulla  loro risposta.

Quarto Accordo: Fai sempre del tuo meglio

È arrivato il momento di accettare che non sei perfetta! Fare del proprio meglio significa dire basta ai sensi di colpa. Basta preoccupazioni. Smettila di dare retta a quella vocina interna che ti dice che sbagli sempre tutto. Accetta quello che sei, amando i tuoi difetti!

Nel momento in cui smetti di giudicarti, inizi ad apprezzare il valore delle cose fai. Presta attenzione al momento presente, al piacere di fare le piccole azioni quotidiane. Vivere in consapevolezza significa saper lasciare andare tutte quelle convinzioni negative che ti legano al passato e che proiettano la tua mente verso problemi futuri.

In conclusione, i Quattro Accordi sono un libro che ti aiutano a intraprendere un cammino di crescita entrando in contatto con te stessa, abbandonano vecchie convinzioni e vecchie regole.

Sono curiosa, hai letto il libro? Oltre a questi accordi, aggiungeresti altro?

 

 

Share
Senso di Colpa: cos’è e come superarlo

Senso di Colpa: cos’è e come superarlo

Hai presente quella sensazione fastidiosa di avere un peso sul petto? Questo è il senso di colpa ovvero il rimorso per avere fatto qualcosa di sbagliato. Capita a tutti di commettere degli errori eppure quando sei tu a sbagliare la tua mente continua a pensare a quello che è stato fatto.

Chi soffre d’ansia  come te, ha la tendenza a dubitare delle proprie azioni per paura di fare la scelta sbagliata oppure di deludere i propri cari. In questo articolo voglio spiegarti al relazione tra senso di colpa e autostima e come fare per uscire da questo circolo vizioso che ti impedisce di vivere in armonia con il presente.

Senso di colpa: che cos’è?

Il senso di colpa è un emozione complessa che racchiude dentro di sé altre emozioni più semplici come la rabbia, la paura e la tristezza. Puoi sentirti in colpa per i motivi più svariati: dall’aver commesso un errore sul lavoro all’aver rifiutato l’invito di una cara amica.

Il senso di colpa ha una due funzioni:

  • funzione sociale;
  • funzione psicologica.

Ogni società ha delle regole che devono essere rispettate da tutti per una convivenza tra gli individui. In questo caso, il senso di colpa assume la forma di responsabilità civile nei diversi contesti sociali; ad esempio, al lavoro svolgi i tuoi compiti per senso del dovere e per rispetto nei confronti dei miei colleghi. La funzione sociale del senso di colpa è quella di seguire un codice morale per poter far rispettare le regole sociali.

Il senso di colpa però segue anche un codice morale interno, fatto di regole e valori personali:

  • Ti fa percepire un disagio interno quando pensi di aver infranto una delle tue regole;
  • La rabbia, la tristezza e la frustrazione non riescono a trovare il giusto modo per esprimersi;
  • Vivi con la paura di sbagliare e di ferire gli altri;
  • Pensi di essere la causa della rabbia degli altri;
  • Sei sempre in balia del giudizio altrui!

Senso di Colpa e Ansia

Senso di colpa e Ansia spesso vanno a braccetto! Pensare di essere sempre la causa di ciò che non va, alimenta i pensieri negativi su di te! L’ansia si nutre di queste pensieri perché non riesci a esprimere le tue emozioni mettendo a tacere i tuoi bisogni per paura di non essere all’altezza della situazione.

L’ansia è la conseguenza di un conflitto interno tra il tuo codice di regole e i tuoi bisogni. Chi soffre d’ansia ha spesso la tendenza a soddisfare prima i bisogni degli altri mettendo da parte le proprie necessità; nella tua mente fanno capolino pensieri ricorrenti legati alle azioni passate, pensi a quella frase che hai detto, a quell’errore che hai commesso, a cosa avresti potuto dire in quella situazione.

Questi pensieri contribuiscono ad alimentare le tue insicurezze, si trasformano un una voce interna giudicante che ti lega al passato, che ti fa preoccupare per il futuro, impedendoti di vivere il momento presente.

senso di colpa

Autostima e Senso di Colpa

I pensieri negativi dovuti al senso di colpa, ti portano a rincorre un ideale di perfezione che non raggiungerai mai! Il continuo dubitare delle proprie azioni assieme alla tendenza ad attribuire troppo importanza al giudizio dell’altro, ti porta a sviluppare una bassa autostima.

L’autostima è il valore che ti dai come persona ma se questo valore dipende solo da come gli altri ti giudicano, non riuscirai a prenderti il merito dei tuoi successi e godere delle cose belle che ti capitano ogni giorno perché la voce della tua coscienza ti dice che non sei abbastanza brava, non meriti di essere amata.

Per questo motivo le persone con una bassa autostima sono più vulnerabili all’ansia!

Come sconfiggere i sensi di colpa

Per poter uscire dal circolo vizioso ansia e senso di colpa, tutto quello che dovrai fare è perdonare i tuoi errori.

Mettiti l’anima in pace! Tutti sbagliano e nessuno è perfetto. Sono proprio i tuoi difetti che ti rendono speciale. Nella vita di ogni giorno cerca di iniziare a vedere le cose belle che ti sono capitate per iniziare a mettere a tacere quella maledetta vocina criticona che ti fa sentire sempre in colpa!

Per poter iniziare a liberarti dal senso di colpa una volta per tutte, inizia ad prenderti cura di te e ad ascoltare i tuoi bisogni; prova a seguire queste semplici regole:

  • Impara dire di “No”: dire sempre di “Si” non ti farà vincere una medaglia!
  • Pratica la Gratitudine: usa il barattolo della gratitudine per riempire la mente di pensieri positivi!
  • Prenditi i tuoi spazi: ogni giorno dedica 15 minuti ad una’attività che ti piace.
  • Ascolta le tue emozioni negative: non mettere a tacere al rabbia o la tristezza ma prendile come occasione di crescita.
  • Perdona i tuoi errori: ogni volta che sbagli pensa che puoi  sempre riparare al danno al posto di piangere sul latte versato!

In conclusione, è inevitabile sbagliare come è inevitabile il senso di colpa, tutto quello che puoi fare è imparare ad essere consapevole delle tue capacità;  ad amare i tuoi difetti fanno per dire addio per sempre all’ideale di perfezione e sconfiggere i sensi di colpa!

Share
Autostima: credi nelle tue capacità con il Mago di Oz

Autostima: credi nelle tue capacità con il Mago di Oz

Il Mago di Oz è uno dei miei libri preferiti perché ti aiuta a comprendere che cos’è  l’autostima ovvero a credere in te e nelle tue capacità.

Ci sono libri che da bambini ci hanno fatto sognare di vivere avventure magiche e che ci hanno regalato piccole ma preziose lezioni di vita!
La storia di Dorothy e delle sue scarpette rosse la conosciamo tutti, così come abbiamo amato lo Spaventapasseri, l’Omino di Latta e il Leone.
Oggi voglio spiegarti perché questo libro è importante per nostra crescita interiore.

La trama

Dorothy, incontra i suoi amici durante il lungo viaggio verso il regno di Oz alla ricerca del famoso mago che la potrà aiutare a ritrovare la via di casa.
Ognuno dei personaggi vuole chiedere al Mago qualcosa che non può avere:

  • Lo Spaventapasseri desidera un cervello perché crede di essere uno stupido;
  • l’Omino di Latta vuole un cuore perché la strega dell’ovest gli ha fatto un incantesimo
  • il Leone chiede di poter essere coraggioso per diventare il Re della Foresta.

Ognuno di loro sarà messo alla prova per riuscire a raggiungere il Regno di Oz; poter vedere realizzati i loro sogni. I protagonisti scopriranno di aver sempre posseduto le qualità tanto ambite ogni volta che supereranno un ostacolo.

Autostima e Lettura: perché ci aiuta a crescere?

Leggere è un’attività che stimola la nostra fantasia, non solo per più piccoli ma anche per noi adulti!
L’attività della lettura attiva la mente che crea nuove connessioni.

Quando leggi un libro puoi:

  • immaginare i volti dei personaggi;
  • figurarti davanti ai tuoi occhi luoghi e paesaggi;
  • immedesimarti nei sentimenti dei personaggi.

Gli antichi greci, che la sapevano lunga sull’animo umano, parlano di catarsi.
La catarsi è l’atto di purificazione dalle sofferenze interne grazie all’arte, alla musica, alla tragedia “e perché no?” anche con un buon libro!
Attraverso le vicende dei personaggi riviviamo i nostri drammi interiori permettendo così alla mente di rielaborare le ferite psicologiche.

Autostima: credi nelle tue capacità

Cosa ci insegna il Mago di Oz

Ho scelto il romanzo il Mago di Oz come metafora della vita fatta di piccole o grandi sfide quotidiane.

L’autostima è il valore che non ci attribuiamo su chi siamo e su quello che siamo in grado di fare. In alcuni momenti della tua vita, avrai sicuramente sperimentato quel senso generale di inadeguatezza che ti faceva sentire:

  • incapace,
  • poco apprezzata,
  • poco amata.

Quante volte hai trascorso il tuo tempo chiedendoti come sarebbe la tua vita senza quella paura di sbagliare?
Quante volte hai desiderato di poterti lasciare andare senza dover trattenere i tuoi sentimenti?
Te lo dico io: “una volta di troppo!”

Il Mago di Oz contiene dei preziosi insegnamenti sull’autostima e sul mondo emotivo che sono rappresentati dai vari personaggi, ovvero:

  • credere in se stessi;
  • accettare le proprie emozioni;
  • superare i propri limiti.

Dorothy è la “psicologa” del gruppo perché aiuta i suoi amici a saper guardare le qualità che ciascuno di loro possiede per abbandonare una volta per tutte quella rigida autocritica in tutto ciò che facciamo!

È il caso dello Spaventapasseri che si piange perché non ha un cervello ma è il primo ad avere una soluzione brillante ad ogni ostacolo!
Proprio come lo Spaventapasseri, siamo troppo severi con noi stessi anche quando facciamo qualcosa di giusto perché cerchiamo di trovare il pelo nell’uovo!
Insomma impara a far tacere quelle voci negative che sono sempre in agguato quando sbagli e che non ti fanno apprezzare i tuoi successi!

Autostima: credi nelle tue capacità

Dorothy aiuta anche l’Omino di Latta a capire che non ha bisogno di cuore finto perché possiede già la capacità di amare e di essere amato.
Spesso i giudizi negativi che ci attribuiamo, ci impediscono di entrare in contatto il sentimento più prezioso: l’amore per noi stessi.
Quando iniziamo ad amarci e ad apprezzare anche le nostre parti più fragili siamo in grado di poter amare liberare gli altri senza il timore di non essere all’altezza o meritevoli del loro amore

Infine, arriva il Leone che nei momenti più inaspettati vince la paura e affronta le sfide con coraggio!
La paura è un emozione che ci mette in allerta ma quando prende il sopravvento ci impedisce di agire. La paura quando non è ascoltata si trasforma in ansia che a sua volta si trasforma in giudizi negativi che bloccano l’azione.
Impara dal Leone che per salvare i suoi amici dal pericolo non fugge ma lo affronta con coraggio!
Ogni piccola o grande paura può essere superata se ascolti le tue emozioni, accettandole senza giudicarle!

Riassumendo, il Mago di Oz è un libro adatto ai bambini ma anche a quelli che come me hanno qualche primavera in più perché ci aiuta a:

  • sospendere i giudizio critico verso noi stessi;
  • abbandonare le etichette mentali;
  • accettare le nostre emozioni.

Questo romanzo ci insegna come la nostra autostima può crescere quando siamo in grado di riconoscere che siamo persone capaci accettando i nostri errori.

Share
Decluttering e Mindfulness: fare spazio nella mente

Decluttering e Mindfulness: fare spazio nella mente

La Mindfulness è consapevolezza del qui ed ora per poter ritrovare l’equilibrio tra mente e cuore e vivere in armonia con noi stessi.

Attraverso la Mindfulness impariamo a scegliere e ad eliminare i pensieri negativi che ci provocano ansia e stress, in altre parole facciamo decluttering mentale.

Sono anni che combattiamo la nostra emotività per paura di mostrarci deboli; abbiamo smesso di ascoltarci e di sentire cosa il nostro corpo e la nostra mente hanno da dirci.

Le abbiamo provate proprio tutte per poter vivere una vita felice:

  •  corsi di yoga,
  • gruppi di meditazione
  • corsi di chi-più-ne-ha-più-ne-metta.

Risultato?  ci siamo più stressate di prima!

La nostra mente  è piena di nozioni eppure non riusciamo a capire perché abbiamo l’impressione di essere sempre al punto di partenza e di dover sempre migliorare!

ALT!  

Chi l’ha detto che dobbiamo diventare perfetti e immacolati?! 

Nella società moderna siamo sempre impegnati a rincorrere l’immagine donne e uomini multitasking e perfetti che svolgono alla perfezione tutti i  compiti quotidiani:

  • lavorare,
  • prendersi cura dei nostri cari,
  • avere una casa splendente come quella di una rivista!

Questo ideale si scontra con la realtà e con i nostri limiti!

Si hai letto proprio bene ho scritto LIMITI!

La parola limiti ci rimanda subito a sensazioni sgradevoli legate alla nostre capacità e alla nostra autostima.

Ora di dirò una cosa!

Lo slogan “supera i tuoi limiti” è fuori moda perché essere consapevoli dei propri limiti significa accettare che non siamo infallibili.

Ascolta e osserva tutte le tue emozioni

Siamo abituati a pensare in maniera negativa al fallimento e all’errore ma in realtà sono risorse preziose per imparare a conoscersi.

Il fallimento e l’errore ci fanno sentire tristi, ma la tristezza è un emozione che dobbiamo imparare ad ascoltare.

Il tempo speso, cercando di reprimere le nostre emozioni negative, ha trasformato la tristezza e la rabbia in stress ed ansia.

Questo sono le vere cause del basso rendimento e della confusione che spesso ci circonda.

Le emozioni “buone e cattive” ci mettono in contatto con i nostri bisogni e desideri e per poter sentire cosa i nostri sentimenti hanno da dirci  dobbiamo imparare ad ascoltare noi stessi.

Quando viviamo un forte periodo di stress tendiamo a vedere tutto nero: ogni area della nostra vita ci sembra che vada a rotoli e che sia stata sconvolta da un uragano.

Vivere in consapevolezza

La consapevolezza avviene quando entriamo ci diamo il permesso di ascoltare i nostri sentimenti, li legittimiamo, li diamo valore.

Quando siamo in grado di identificare ciò di cui abbiamo realmente bisogno, sviluppiamo la capacità di lasciare andare ciò che non ci appartiene più ovvero salutare tutte quelle situazioni o relazioni che non ci fanno stare bene.

Attraverso la Mindfulness iniziamo una fase di decluttering delle aree della nostra vita personale, lavorativa e sociale; acquisiamo la consapevolezza di essere  in grado di fare delle scelte perché possiamo ascoltarci.

 

Share
Insonnia e Ora Legale- Sopravvivere al Cambio di Stagione

Insonnia e Ora Legale- Sopravvivere al Cambio di Stagione

Finalmente è arrivata la primavera! Ammetto che è la mia stagione preferita.

Lentamente esco dal letargo invernale, compaiono le prime giornate di sole, la natura esplode in un arcobaleno di colori.

Insomma mi sento sempre carica e piena di entusiasmo.

Purtroppo con la primavera arrivano alcuni piccoli fastidi stagionali: un senso generale di stanchezza e la difficoltà a dormire.

La ragione di questi disturbi, durante il passaggio all’ora legale, è molto semplice:

Il nostro corpo si deve adattare alle giornate che si fanno sempre più lunghe e ai cambiamenti climatici per ritrovare il suo naturale equilibrio.

Che cos’è l’insonnia?

L’insonnia è uno degli effetti collaterali più fastidiosi della Primavera, passiamo le nostre notti a rigirarci nel letto e al mattino ci sentiamo stanchi e spossati.

disturbi del sonno ci impediscono di riposare correttamente perché l’ansia manda un segnale al nostro cervello impedendoci di dormire.

Ansia e stress sono un campanello d’allarme che hanno il compito importante di metterci in allerta quando c’è qualcosa che non va.

La nostra mente riceve questo Alert che si attiva per poter trovare una soluzione al problema.

Capita però che questo Alert si metta in funzione quando non dovrebbe ovvero prima di andare a dormire o mentre stiamo dormendo.

Quando ciò accade il nostro cervello si sveglia e inizia un loop mentale che non  ci fa dormire:

  • la nostra mente si riempie di pensieri negativi
  • I pensieri negatine ne fabbricano altri i impedendoci di prendere sonno.


W
orkout- Notti in Bianco:

consigli per affrontare l’insonnia

Il metodo più diffuso per combattere l’insonnia è la conta della pecorelle ma come avrei già sperimentato più volte risulta inefficace.

L’Alert dell’ansia si attiva perché cerchiamo di mettere a tacere sentimenti, percezioni ed emozioni negative!|

La Causa? La nostra società ci manda costantemente il messaggio di dover essere felici a tutti i costi.

Negando le emozioni negative interrompiamo il dialogo con la nostra parte inconscia impedendole di parlare.

Ansia e attacchi di panico non sono altro che modi diversi di comunicare del nostro inconscio, perciò dobbiamo imparare ad ascoltarlo per poter accettare che la
tristezza o la  rabbia ci possono aiutare a comprendere meglio i nostri bisogni.

Con gli anni ho elaborato un workout contro l’ansia per le persone che si rivolgono a me problemi di ansia e di stress.

Questo programma di allenamento ha lo scopo di riattivare quel dialogo interiore che ci consente di essere consapevoli di noi stessi e dei nostri stati d’animo.

Bastano pochi semplici accorgimenti per poter ridurre gli effetti collaterali del cambio di stagione e non soffrire dell’effetto jetleg:

1. Relax and Take It Easy!

Le tecniche di rilassamento ci aiutano a riprendere il controllo del nostro corpo e a svuotare la mente da quei pensieri negativi che circolano liberamente.

Attraverso degli esercizi di Mindfulness impari a:

  • ascoltare ed osservare dei tuoi stati d’animo;
  • vivere il momento presente.

2. Fai del movimento.

Quando siamo stressati il nostro corpo produce elevate quantità dell’ormone dello stress (il cortisolo).

Puoi aiutare il  corpo a liberarsi di queste sostanze tossiche per la nostra mente attraverso lo sport:

  • puoi andare a correre;
  • fare una passeggiata;
  • puoi andare a fare la tuo lezione di tango argentino

Non importa il tipo di attività che farai perché attraverso il movimento fisico il tuo corpo produrrà gli ormoni del buono umore (le endorfine) e avvertirai una sensazione immediata di benessere.

3. Disconnetti il Cervello

La tecnologia ha migliorato la nostra vita ma rimanendo sempre connessi inviamo il segnale al nostro cervello di rimanere attivi; è importante staccare la spina dai nostri Tablet e Smartphone per:

  • aiutare la nostra mente a diminuire lentamente la sua attività;
  • migliorare la qualità del nostro sonno. 

La sera dopo aver mangiato elimina quelle attività che stimolano l’attività cerebrale e prediligi quelle che rilassano il cervello, come ad esempio leggere un libro o guardare la tua serie-TV preferita.

4. Tisana e Rimedi Naturali

La natura arriva in nostro soccorso, soprattutto durante il cambio di stagione.

Durante il giorno evita bevande stimolanti come il caffè o il thè che possono essere sostituite da tisane e infusi con proprietà rilassanti come la melissa, la passiflora o la valeriana.

Inoltre, prima e dopo il cambio dell’ora puoi prendere alla sera la melatonina, un integratore naturale che favorisce la regolazione dei ritmo di sonno-veglia contrastando l’effetto jetleg durante il cambio di stagione.

Share
Pulizie di Primavera e Il Magico Potere del Riordino – Fare spazio dentro di noi

Pulizie di Primavera e Il Magico Potere del Riordino – Fare spazio dentro di noi

La Mindfulness è la consapevolezza di se stessi nel qui ed ora per poter ritrovare l’equilibrio tra mente e cuore e vivere in armonia! Attraverso la mindfulness impariamo a scegliere e ad eliminare i pensieri negativi che ci provocano ansia e stress, in altre parole facciamo decluttering mentale.

Marie Kondo è una ragazza giapponese che ha elaborato un metodo per liberarsi dal caos in mondo definitivo ma non è una delle mode del momento perché la sua visione di ordine si sposa bene con le filosofie orientali che mettono l’accento sul guardare e sentire il proprio mondo interiore per poter crescere ed evolvere come persone. Questo concetto fa parte dei capisaldi della Mindfulness che, secondo Jon Kabat-Zinn, significa prestare attenzione al momento presente con intenzione e senza giudicare. Detto in altre parole:

  • entriamo in contatto con le nostre emozioni
  • ascoltiamo la voce dei nostri bisogni
  • mettiamo a tacere la voce interiore giudicante

Sono sicura che molti di voi si staranno chiedendo come e quando incontrare queste emozioni e soprattutto come mettere a tacere quelle maledette vocine negative che giudicano ogni nostra azione!

No Panic!

Ho la soluzione per voi…

Vi Presento Marie Kondo e il suo metodo DEFINITIVO per eliminare il disordine dentro casa (e ovviamente dentro la nostra mente).

Il Metodo e le regole basi

Il metodo consiste nel BUTTARE VIA  quello che non ci serve per far spazio a ciò che abbiamo di prezioso.

Come? Semplice basta dividere gli oggetti di casa in categorie e buttare tutto ciò che non ci emoziona più o non ci rappresenta!

Marie Kondo divide gli oggetti di casa in categorie vestiti, libri, carte, oggetti di casa, oggetti elettronici, ricordi. Ogni categoria ha una sua suddivisione ma la regole fondamentale è che non si passa alla categoria successiva se non si è finito quella precedente e non si inizia a mettere a posto se non si è finito di buttare!

Eh già perché uno dei grandi insegnamenti di Marie Kondo è quello di aiutarci a potenziare la nostra capacità di scelta attraverso l’atto del riordinare. Gli oggetti non vengono buttati a casaccio ma entrano in contatto con noi, raccontandoci la nostra storia.

Quante di noi hanno ancora nel loro armadio il vestito della prima comunione anche se non riusciremo mai ad entrarci dentro nemmeno dopo una dieta simile al digiuno di Gandhi?

Fare una scelta significa quindi essere consapevoli di ciò che quell’oggetto rappresenta per noi, percorrendo mentalmente tutti i progressi che abbiamo fatto, i cambiamenti che abbiamo vissuto, le relazioni che abbiamo creato.

Prendere tra le nostre mani quel vestito, sentire quell’emozione e accorgersi che fa parte del passato, ci aiuta a prendere consapevolezza di chi siamo ora come donna e come coppia; lasciarlo andare non vuol dire lasciare andare nostro marito e buttare i nostri ricordi. Congedare quel vestito ci permette di percepirci come una persona che ha percorso quella strada: possiamo visualizzare i nostri passi lungo quel cammino chiamato vita.

Riordinare la Mente con il metodo Marie Kondo

Il Metodo KonMarie è una benedizione per la nostra autostima e si adatta anche agli spiriti ribelli come la sottoscritta perché utilizza la tecnica che la nostra mente utilizza per categorizzare le informazione e “archiviare” i nostri ricordi!

Il nostro cervello è abituato a categorizzare fin dall’infanzia, perché è il nostro modo efficace per poter conoscere la realtà che ci circonda; il pensiero nasco proprio da questa attività di mettere in ordine tutto quello che viviamo quotidianamente. I pensieri diventano immagini mentali che costruiscono i nostri ricordi; detto in altre parola creiamo un database di immagini.

Possiamo prendere spunto da questo approccio per

  • riordinare le idee
  • imparare a percepirci capaci di compiere delle scelte.
  • trasformare le nostre esperienze in risorse

Ordinare gli spazi di casa, è un attività che aiuta il nostro cervello a mettere ciascun pensiero, ricordo, sentimento nel giusto posto trasformando le nostre esperienze in risorse. Impariamo così capire ciò di cui abbiamo veramente bisogno non solo nella nostra casa ma anche nella nostra vita personale.

Share