Tag: cambio di stagione

Peso Forma: festeggia La Pasqua senza sensi di colpa.

Peso Forma: festeggia La Pasqua senza sensi di colpa.

Mantenere il peso forma durante le feste è sempre un’impresa titanica ma con la Mindful Eating puoi mangiare in compagnia senza sentirti in colpa!

La Pasqua è ormai alle porte e l’onda anomala delle abbuffate festive incombe su di noi; eppure c’è un modo per festeggiare con amici e parenti senza versare lacrime di coccodrillo alla fine  del pranzo di Pasqua o dopo la grigliata di Pasquetta!

La soluzione al problema la troviamo nella Mindful Eating che ti insegna a mangiare prestando attenzione al momento presente senza giudizi e con gentilezza!

Peso Forma e festa con gli amici

Il cibo non è solo fonte di energia per il corpo ma è anche uno dei modi per trarre piacere della compagnia delle persone che amiamo; uno dei motivi per i quali una dieta fallisce è che durante il percorso per raggiungere il peso forma , abbiamo la sensazione che non possiamo mangiare quello che mangiamo gli altri e di conseguenza ci sentiamo isolati.

Esistono diversi tipi di corpo, oltre al corpo fisico, che hanno bisogno di essere nutriti nel modo giusto per poter raggiungere il nostro benessere. Le tipologie di corpo sono:

  1. fisico
  2. emotivo
  3. sociale
  4. psicologico
  5. intellettuale
  6. creativo
  7. spirituale
  8. comunitario

Gli otto tipi di corpo sono  le nostre parti psicologiche che possiedono dei bisogni propri per essere soddisfatte!

Il corpo sociale e i suoi bisogni

Il corpo sociale ha bisogno del contatto con gli altri per essere nutrito; spesso quando siamo a dieta cerchiamo di tenere tutto sotto controllo:

  • le porzioni di cibo
  • la quantità di attività fisica
  • dormire un numero di ore sufficiente

Insomma, un sacco di doveri e restrizioni che ci lasciano l’amaro in bocca perché stiamo dimenticando di ascoltare il nostro bisogno di stare con le nostre amiche o ci priviamo di una cenetta a lume di candela con il nostro partner.

Per tutta la settimana ci teniamo a stecchetto ma poi quando arriva il fine settimana e siamo difronte al buffet dell’apericena tutti i nostri sacrifici vanno a rotoli!

Prestare attenzione alla qualità del cibo che mangiamo (in altre parole mettersi a Dieta!) di per se non è negativo; al contrario è un modo per prendersi cura di noi stesse ma spesso dimentichiamo che per stare bene e sentirci pienamente appagate, abbiamo bisogno di nutrire le nostre parti più sensibili e che hanno bisogno di attenzioni amorevoli.

Il cibo diventa il modo per soddisfare i nostri bisogni emotivi, psicologici e sociali ma dopo esserci abbuffate di ogni Ben di Dio, ci sentiamo in colpa, pensiamo di non essere capaci o di non avere il controllo!

Peso Forma

Peso Forma: come raggiungerlo con la Mindful Eating

La Mindful Eating  è un ottimo strumento per ritrovare il peso forma e mantenerlo nel tempo. L’alimentazione ti insegna ad ascoltare i tuoi bisogni, partendo dall’osservazione e dalla consapevolezza dei segnali di fame e sazietà.

I benefici di chi mangia in modo consapevole sono moltissimi tra cui:

  • riconoscere che non c’è un modo giusto o sbagliato di mangiare,
  • mangiare lentamente e con soddisfazione,
  • sviluppare una maggiore consapevolezza dei pensieri e delle emozioni legati al cibo!

La Mindful Eating non è altro che un approccio che coniuga le pratiche della mindfulness alla consapevolezza del rapporto con il cibo. Voglio condividere con te questi due semplici esercizi per stare a tavola durante i giorni di festa senza preoccupazioni!

Esercizio: segnali di fame

Questo esercizio ti permette prestare attenzione a quanta fame senti prima e durante il momento del pasto:

  1. Immagina il livello di fame come il tachimetro della benzina della tua auto
  2. Quando il livello di fame è 0 siamo completamente senza Benzina
  3. Quando il livello di fame è 10 siamo troppo pieni e avvertiamo quel noto fastidio dopo un pasto abbondante!
  4. Mentre mangi, inizia a notare la sensazione di fame e il livello di pienezza

La regola 50-80: mangia senza sensi di colpa

Il controllo delle porzioni quando si mangia fuori casa spesso è un’impresa ardua ma possiamo decidere quanto cibo mangiare senza dover rotolare fino al divano a fine pranzo di Pasqua!

La regola del piatto 50-80 è molto semplice:

  1. la prima porzione di cibo che ti servirai devo coprire il 50% del piatto, il restante 50% resterà vuoto.
  2. Ricorda che puoi sempre ritornare a prendere una seconda porzione!
  3. Mangia lentamente il cibo che hai difronte a te, assapora ogni boccone e presta attenzione ai segnali di fame e sazietà!
  4.  Quando hai finito chiediti se hai ancora fame e se hai ancora voglia di mangiare qualcosa
  5. Ora utilizzerai la regola dell’80% ovvero riempirai il piatto solo per il 20% e il restante 80% del piatto resterà vuoto.
  6. Puoi usare la regola dell’80% anche con il dolce ma usando un piatto da dessert

La regola del 50-80 è molto utile quando puoi serviti il cibo da sola, ad esempio quando sei a fare un apericena o una grigliata; ti aiuta a mantenere il controllo delle quantità e allo stesso tempo puoi divertiti con i tuoi amici senza sentirti in colpa!

In conclusione

La Mindful Eating è un ottimo strumento per iniziare a prenderti cura di te attraverso l’osservazione e l’attenzione dei bisogni del corpo nel qui ed ora, senza giudicare ciò che mangi per assaporare il tuo presente! In altra parole puoi lasciare andare una volta per tutte tutti quei pensieri e giudizi negativi che hanno intossicato il rapporto con te stessa e con il tuo corpo!

 

Workhop di Mindful Eating

Workshop di Mindful Eating

Ti piacerebbe provare l’esperienza della Mindful Eating? Sabato 12 maggio vieni a scoprire i numerosi vantaggi dell’alimentazione consapevole! Clicca Qui per saperne di più

 

Share
Insonnia e Ora Legale- Sopravvivere al Cambio di Stagione

Insonnia e Ora Legale- Sopravvivere al Cambio di Stagione

Finalmente è arrivata la primavera! Ammetto che è la mia stagione preferita.

Lentamente esco dal letargo invernale, compaiono le prime giornate di sole, la natura esplode in un arcobaleno di colori.

Insomma mi sento sempre carica e piena di entusiasmo.

Purtroppo con la primavera arrivano alcuni piccoli fastidi stagionali: un senso generale di stanchezza e la difficoltà a dormire.

La ragione di questi disturbi, durante il passaggio all’ora legale, è molto semplice:

Il nostro corpo si deve adattare alle giornate che si fanno sempre più lunghe e ai cambiamenti climatici per ritrovare il suo naturale equilibrio.

Che cos’è l’insonnia?

L’insonnia è uno degli effetti collaterali più fastidiosi della Primavera, passiamo le nostre notti a rigirarci nel letto e al mattino ci sentiamo stanchi e spossati.

disturbi del sonno ci impediscono di riposare correttamente perché l’ansia manda un segnale al nostro cervello impedendoci di dormire.

Ansia e stress sono un campanello d’allarme che hanno il compito importante di metterci in allerta quando c’è qualcosa che non va.

La nostra mente riceve questo Alert che si attiva per poter trovare una soluzione al problema.

Capita però che questo Alert si metta in funzione quando non dovrebbe ovvero prima di andare a dormire o mentre stiamo dormendo.

Quando ciò accade il nostro cervello si sveglia e inizia un loop mentale che non  ci fa dormire:

  • la nostra mente si riempie di pensieri negativi
  • I pensieri negatine ne fabbricano altri i impedendoci di prendere sonno.


W
orkout- Notti in Bianco:

consigli per affrontare l’insonnia

Il metodo più diffuso per combattere l’insonnia è la conta della pecorelle ma come avrei già sperimentato più volte risulta inefficace.

L’Alert dell’ansia si attiva perché cerchiamo di mettere a tacere sentimenti, percezioni ed emozioni negative!|

La Causa? La nostra società ci manda costantemente il messaggio di dover essere felici a tutti i costi.

Negando le emozioni negative interrompiamo il dialogo con la nostra parte inconscia impedendole di parlare.

Ansia e attacchi di panico non sono altro che modi diversi di comunicare del nostro inconscio, perciò dobbiamo imparare ad ascoltarlo per poter accettare che la
tristezza o la  rabbia ci possono aiutare a comprendere meglio i nostri bisogni.

Con gli anni ho elaborato un workout contro l’ansia per le persone che si rivolgono a me problemi di ansia e di stress.

Questo programma di allenamento ha lo scopo di riattivare quel dialogo interiore che ci consente di essere consapevoli di noi stessi e dei nostri stati d’animo.

Bastano pochi semplici accorgimenti per poter ridurre gli effetti collaterali del cambio di stagione e non soffrire dell’effetto jetleg:

1. Relax and Take It Easy!

Le tecniche di rilassamento ci aiutano a riprendere il controllo del nostro corpo e a svuotare la mente da quei pensieri negativi che circolano liberamente.

Attraverso degli esercizi di Mindfulness impari a:

  • ascoltare ed osservare dei tuoi stati d’animo;
  • vivere il momento presente.

2. Fai del movimento.

Quando siamo stressati il nostro corpo produce elevate quantità dell’ormone dello stress (il cortisolo).

Puoi aiutare il  corpo a liberarsi di queste sostanze tossiche per la nostra mente attraverso lo sport:

  • puoi andare a correre;
  • fare una passeggiata;
  • puoi andare a fare la tuo lezione di tango argentino

Non importa il tipo di attività che farai perché attraverso il movimento fisico il tuo corpo produrrà gli ormoni del buono umore (le endorfine) e avvertirai una sensazione immediata di benessere.

3. Disconnetti il Cervello

La tecnologia ha migliorato la nostra vita ma rimanendo sempre connessi inviamo il segnale al nostro cervello di rimanere attivi; è importante staccare la spina dai nostri Tablet e Smartphone per:

  • aiutare la nostra mente a diminuire lentamente la sua attività;
  • migliorare la qualità del nostro sonno. 

La sera dopo aver mangiato elimina quelle attività che stimolano l’attività cerebrale e prediligi quelle che rilassano il cervello, come ad esempio leggere un libro o guardare la tua serie-TV preferita.

4. Tisana e Rimedi Naturali

La natura arriva in nostro soccorso, soprattutto durante il cambio di stagione.

Durante il giorno evita bevande stimolanti come il caffè o il thè che possono essere sostituite da tisane e infusi con proprietà rilassanti come la melissa, la passiflora o la valeriana.

Inoltre, prima e dopo il cambio dell’ora puoi prendere alla sera la melatonina, un integratore naturale che favorisce la regolazione dei ritmo di sonno-veglia contrastando l’effetto jetleg durante il cambio di stagione.

Share
Pulizie di Primavera e Il Magico Potere del Riordino – Fare spazio dentro di noi

Pulizie di Primavera e Il Magico Potere del Riordino – Fare spazio dentro di noi

La Mindfulness è la consapevolezza di se stessi nel qui ed ora per poter ritrovare l’equilibrio tra mente e cuore e vivere in armonia! Attraverso la mindfulness impariamo a scegliere e ad eliminare i pensieri negativi che ci provocano ansia e stress, in altre parole facciamo decluttering mentale.

Marie Kondo è una ragazza giapponese che ha elaborato un metodo per liberarsi dal caos in mondo definitivo ma non è una delle mode del momento perché la sua visione di ordine si sposa bene con le filosofie orientali che mettono l’accento sul guardare e sentire il proprio mondo interiore per poter crescere ed evolvere come persone. Questo concetto fa parte dei capisaldi della Mindfulness che, secondo Jon Kabat-Zinn, significa prestare attenzione al momento presente con intenzione e senza giudicare. Detto in altre parole:

  • entriamo in contatto con le nostre emozioni
  • ascoltiamo la voce dei nostri bisogni
  • mettiamo a tacere la voce interiore giudicante

Sono sicura che molti di voi si staranno chiedendo come e quando incontrare queste emozioni e soprattutto come mettere a tacere quelle maledette vocine negative che giudicano ogni nostra azione!

No Panic!

Ho la soluzione per voi…

Vi Presento Marie Kondo e il suo metodo DEFINITIVO per eliminare il disordine dentro casa (e ovviamente dentro la nostra mente).

Il Metodo e le regole basi

Il metodo consiste nel BUTTARE VIA  quello che non ci serve per far spazio a ciò che abbiamo di prezioso.

Come? Semplice basta dividere gli oggetti di casa in categorie e buttare tutto ciò che non ci emoziona più o non ci rappresenta!

Marie Kondo divide gli oggetti di casa in categorie vestiti, libri, carte, oggetti di casa, oggetti elettronici, ricordi. Ogni categoria ha una sua suddivisione ma la regole fondamentale è che non si passa alla categoria successiva se non si è finito quella precedente e non si inizia a mettere a posto se non si è finito di buttare!

Eh già perché uno dei grandi insegnamenti di Marie Kondo è quello di aiutarci a potenziare la nostra capacità di scelta attraverso l’atto del riordinare. Gli oggetti non vengono buttati a casaccio ma entrano in contatto con noi, raccontandoci la nostra storia.

Quante di noi hanno ancora nel loro armadio il vestito della prima comunione anche se non riusciremo mai ad entrarci dentro nemmeno dopo una dieta simile al digiuno di Gandhi?

Fare una scelta significa quindi essere consapevoli di ciò che quell’oggetto rappresenta per noi, percorrendo mentalmente tutti i progressi che abbiamo fatto, i cambiamenti che abbiamo vissuto, le relazioni che abbiamo creato.

Prendere tra le nostre mani quel vestito, sentire quell’emozione e accorgersi che fa parte del passato, ci aiuta a prendere consapevolezza di chi siamo ora come donna e come coppia; lasciarlo andare non vuol dire lasciare andare nostro marito e buttare i nostri ricordi. Congedare quel vestito ci permette di percepirci come una persona che ha percorso quella strada: possiamo visualizzare i nostri passi lungo quel cammino chiamato vita.

Riordinare la Mente con il metodo Marie Kondo

Il Metodo KonMarie è una benedizione per la nostra autostima e si adatta anche agli spiriti ribelli come la sottoscritta perché utilizza la tecnica che la nostra mente utilizza per categorizzare le informazione e “archiviare” i nostri ricordi!

Il nostro cervello è abituato a categorizzare fin dall’infanzia, perché è il nostro modo efficace per poter conoscere la realtà che ci circonda; il pensiero nasco proprio da questa attività di mettere in ordine tutto quello che viviamo quotidianamente. I pensieri diventano immagini mentali che costruiscono i nostri ricordi; detto in altre parola creiamo un database di immagini.

Possiamo prendere spunto da questo approccio per

  • riordinare le idee
  • imparare a percepirci capaci di compiere delle scelte.
  • trasformare le nostre esperienze in risorse

Ordinare gli spazi di casa, è un attività che aiuta il nostro cervello a mettere ciascun pensiero, ricordo, sentimento nel giusto posto trasformando le nostre esperienze in risorse. Impariamo così capire ciò di cui abbiamo veramente bisogno non solo nella nostra casa ma anche nella nostra vita personale.

Share