Coronavirus

La Paura ai tempi del Coronavirus

Il coronavirus è una situazione di emergenza che stiamo vivendo da settimane e a cui nessuno di noi era preparato ad affrontare.

La nostra mente è continuamente sottoposta a stimoli stressanti. Siamo bombardati da notizie allarmanti e la nostra quotidianità è stata stravolta per il bene comune.

Questa situazione di Emergenza, provoca emozioni contrastanti come rabbia, paura, ansia e panico che riflettono un disagio profondo.

In questo articolo, voglio spiegarti cosa accade alla nostra mente in situazioni di emergenza e darti qualche consiglio per gestire lo stress.

Coronavirus

Coronavirus: una situazione di emergenza

L’emergenza Coronavirus è una situazione stressante perché ci mette in constante allerta.

Ti sarà capitato di vivere questa esperienza come qualcosa di surreale o di dover combattere una guerra contro un nemico invisibile.

La parola Emergenza fa riferimento ad una circostanza  ad un evento imprevisto, devastante e inaspettato che crea un clima di:

  • Attivazione
  • Allerta
  • Bisogno urgente di un intervento

Il Coronavirus è quindi disastro collettivo perché la nostra quotidianità e tutto ciò che ci dava certezza sono diventati instabili.

La costante esposizione a scene terrificanti genera un rischio per la salute mentale, ovvero l’insorgere del Disturbo Post- Traumatico da Stress.

Infine, l’emergenza Coronavirus non colpisce sono il singolo individuo ma anche i familiari, la comunità.

Il mondo diventa pericoloso e dentro di noi iniziamo ad avvertire una sensazione di allerta e di paura.

Coronavirus

Che cos’è la Paura?

La Paura è un emozione primaria che ci difende ed è utile per la nostra sopravvivenza.

Provare paura significa che siamo in grado di proteggerci dai rischi e dai pericoli.

Paura e allerta possono diventare alleati importanti in questa situazione di emergenza, perché viene attivato uno stato di stress positivo, ovvero:

A volte può capitare di superare la soglia di attivazione dell’allerta perché continuiamo ad alimentare la paura con pensieri e comportamenti irrazionali.

In questo caso si parla di Stress Negativo che è caratterizzato da:

  • eccesso di allerta
  • comportamenti inadeguati (come affollare i supermercati per fare la spesa, controllare sempre le notizie)

Coronavirus e paura: cosa fare?

La paura è un emozione istintiva che  ci protegge dai rischi e pericoli. Conoscere la paura è importante per attivare strategie mentali efficaci e consapevoli.

Le reazioni tipiche della paura sono 3:

  1. Attacco: in questa caso messaggi violenti nei confronti dei presunti “untori” o seguire le regole e norme igieniche adeguate
  2. Fuga: scappare dalla città che è stata colpita dal coronavirus sfuggire al rischio di contagio
  3. Congelamento: mi aiuto isolo, sento che non riesco a muovermi.

La pratica della mindfulness è molto utile per abbassare il libello di allerta e stare sul momento presente.

Inoltre è efficace per ridurre il livello di ansia e di stress,  per mangiare meglio e dormire meglio.

Prova a fare questo esercizio quotidianamente, per abbassare il tuo libello di stress.

Coronavirus

Pratica del respiro:

  • Mettiti in una posizione comoda in un luogo tranquillo della tua casa. Puoi stare seduto su una sedia o a terra con le gambe incrociate.
  • Inizia a sentire il contatto del piedi con il pavimento ed inizia a sentire una sensazioni di stabilità che arriva dalla terra.
  • Prova a sentire questa sensazione lungo il tuo corpo, abbassa lo sguardo o chiudi gli occhi e inizia a fare 3 bei respiri profondi.

Chiediti:

  • Quali pensieri ed emozioni appaiono nella mia mente in questo momento?
  • Come si sente il mio corpo
  • Ora concentrati sul respiro e sull’aria che entra ed esce dal tuo corpo
  • Torna alla sensazioni del tuo corpo e al contatto con il pavimento. E quando sei pronta apri gli occhi.

Qui puoi trovare l’audio della pratica del respiro di 3 minuti

e qui la meditazione completa

Share
Posted in Ansia e Depressione, Blog and tagged , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.