Metti al Bando la Dieta con la Mindful Eating

Metti al Bando la Dieta con la Mindful Eating

Per molti anni ho combattuto la guerra contro il cibo passando da periodi di dieta ferrea a periodi in cui mangiavo tutto quello che mi capitava. Tutto questo prima di iniziare a mangiare secondo i principi della Mindful Eating, ovvero prima di imparare a mangiare in consapevolezza.

Iniziavo una dieta e non appena intravedevo i primi risultati mi abbandonavo a piccole concessioni che mi riportavano al punto di partenza.

Questo atteggiamento mentale è stata la causa del famigerato effetto yo-yo ovvero perdere chili per pori riprenderli con gli interessi. In poche parole, mi sono ritrovata con 20 kg in più sulle spalle senza nemmeno rendermi conto di come e quando ho iniziato a portarmeli a spasso.

Cambia il tuo atteggiamento verso il cibo

Ho riflettuto a lungo su questo tema e sono giunta alla conclusione che tutti i miei tentativi di perdere peso sono falliti perché non cambiavo il mio modo di mangiare e il mio atteggiamento verso il cibo.

Ho sempre associato la dieta a uno stato transitorio, una sorta di prova del fuoco in cui mi dovevo privare dei piaceri della vita resistendo il più possibile ai peccati di gola per poter raggiunge la meta tanto ambita: ritrovare il mio peso forma.

Ritrovare il mio peso forma è stato il punto di partenza, il porto dal quale sono salpata per raggiungere quell’isola felice dell’alimentazione sana e consapevole.

Ho iniziato a osservare il mio rapporto con il cibo da un nuovo punto di vista: non è un nemico da sconfiggere ma un compagno di viaggio, è un amico con il quale vivere in armonia e in equilibrio lo stato di benessere tra mente e corpo.

Per iniziare un percorso di alimentazione sana e consapevole, tutto quello che dovrai fare è: cambiare il tuo atteggiamento mentale e vivere in maniera serena il rapporto con il cibo e con il corpo è la base

Come iniziare a mangiare in consapevolezza

Tutto quello che dovrai portare con te in questo viaggio sono la motivazione e la consapevolezza.

La motivazione è la benzina che ci consente di andare avanti lungo il nostro cammino, di attraversare la strada tortuosa, di affrontare con il sorriso le salite per poter raggiungere la tua meta finale: ritrovare il nostro peso forma.

Quando nel marzo del 2016 ho iniziato questo cammino mi portavo addosso 20 kg in più rispetto al mio peso forma. Erano tanti e la paura di cadere nella trappola delle dieta del lunedì era in agguato.

Mi sono presa un momento per riflettere, mi sono guardata allo specchio e mi sono chiesta: “perché vuoi metterti a dieta”? “perché voglio dimagrire”.

La mia mente ha iniziato a ribellarsi, come se avessi inserito una sorta di pilota automatico, perché la mente umana rifiuta gli ordini negativi.

ho usato un barbatrucco ovvero ho riformulato al domanda: “perché vuoi cambiare alimentazione?” “perché voglio ritrovare il mio peso forma”.

Improvvisamente mi si è accesa la famosa lampadina e a catena si sono accese tutte le altre!

Ho preso consapevolezza dei miei desideri, dei miei bisogni, delle mie emozioni trasformando la negatività della dieta in Pensiero Positivo legato al mio benessere che è diventato il mio carburante per il mio viaggio.

Cambiare prospettiva con la Mindful Eating

Quello che era cambiato è stato il mio modo di approcciarmi al problema del sovrappeso; nei miei tentativi precedenti di dimagrire la motivazione era sempre legata a due fattori:

  1. la dieta percepita come qualcosa di negativo
  2. una motivazione transitoria ovvero il motivo per il quale dovevo perdere peso (il giorno del matrimonio, la prova bikini, quel vestito che mettevo a 18 anni, e chi più ne ha più ne metta).

Questi due fattori (dimagrare e motivazioni transitorie) sono legati a false credenze, a giudizi negativi su di noi che producono ansia, frustrazione e senso di colpa quando abbandoniamo la dieta spingendoci a rifugiarci nel cibo come ancora di salvezza, creando un doppio legame tra cibo e mente.

Nel momento in cui ho preso coscienza di queste false credenze legate al cibo, ho potuto fare chiarezza dentro di me e ho messo a fuoco i miei obiettivi scardinando tutti gli stereotipi legati al cibo. Questo è stato il mio punto di svolta per cambiare rotta: il mio stile di alimentazione disordinato e disorganizzato si è trasformato in uno stile alimentare sano e consapevole.

Share
Comments are closed.